DATE CONCERTI

Scarica Materiale Grafico:   Locandina 4,03 KB -   Foto 1,120 MB

Discografia: Limato - Il regno della Sibilla

 
Angelo Casagrande
violoncello elettrico, basso elettrico, darabouka,
cembalo, tamburo isole Mauritius, caxixi, 
bouzouki, shaker, bodhran, xilofono birmano
Luciano Monceri
Chitarra acustica, chitarra elettrica, 
arpa irlandese, morin khoor, riq, bodhran, 
kantele nordico, voce
Maurizio Serafini
cornamusa irlandese, cornamusa scozzese, 
low whistle, didjeridoo, khaen, clarinetti cinesi, 
armonica a bocca, bombarda, kaval, 
flauto indiano
Gli spettacoli degli Ogam sono adatti per rassegne in teatro e nei clubs, per festival di musica acustica, World Music, musica etnica , Buskers conventions, feste medioevali e rievocazioni storiche e per tutte le situazioni inserite in contesti architettonici di rilievo.
La musica degli Ogam è adattissima per colonne sonore di films e documentari e per abbinamenti con spettacoli di teatro danza e poesia. 

Ricerca musicale etnica

Un viaggio fantastico nella terra delle emozioni incontrollabili, dove fluida scorre l'energia che ci unisce alla natura e all'universo e dove la nobiltà degli animi regna sovrana. Ecco il magico mondo in cui si muove disinvoltamente la musica degli Ogam, formazione marchigiana che dal 1988 mantiene inalterato il suo organico: Maurizio Serafini - strumenti d'aria (cornamuse celtiche, flauti in metallo e bamboo, clarinetti cinesi, Khaen, didjeridoo), Luciano Monceri - strumenti d'acqua (arpa celtica, chitarre acustiche ed elettriche, kantele, morin khoor) e Angelo Casagrande - strumenti di fuoco e di terra (violoncello, percussioni arabe e indiane). Una musica senza frontiere, dove la contaminazione culturale ipotizza e si dirige verso la serena convivenza della nuova società interraziale e si riaggancia con l'ancestrale esigenza dell'uomo al nomadismo e al viaggio (inteso come migrazione e conoscenza). Gli Ogam hanno all'attivo due produzioni discografiche: la prima LI MA TO (1995) dedicata al percorso fisico e spirituale del grande gesuita maceratese Matteo Ricci e la seconda IL REGNO DELLA SIBILLA (2000) suite musicale ispirata alle leggende dei Monti Sibillini. Hanno partecipato a numerose compilations nazionali ed internazionali (E cantava le canzoni - memoriale di Rino Gaetano (EMI); KELTIKA, CELTICA e WORLD MUSIC, ecc.). Hanno prodotto tre colonne sonore per la RAI (documentari di Geo & Geo) e realizzato per il teatro le musiche per gli spettacoli "La ballata del Vecchio Marinaio" di S.T.Coleridge con l'attore romano P. Giorgio, "La Rosa", poema trobadorico di e con F. Scataglini e "Nel Regno della Sibilla", spettacolo multimediale sulle leggende dei Monti Sibillini. Hanno realizzato nel 1997, in qualità di ambasciatori musicali, il progetto Il Pullman del Levante, in autobus da Macerata a Pechino, viaggio sulle orme di Matteo Ricci, suonando nelle principali città di Polonia, Ucraina, Russia, Kazakistan e Mongolia. Premiati come migliore proposta musicale ad Arezzo Wave 91 e al Podium des decouvertes al Festival Interceltique di Lorient (Francia), gli Ogam hanno all'attivo tournèe in Italia, Europa e Asia. Hanno partecipato (2002) con tre brani inediti cantati da Tiziana Ghiglioni alla compilation CORPO DI GUERRA edita da IL MANIFESTO in cui partecipavano Vittorio Nocenzi, Gang, Ginevra Di Marco, Ziringaglia e Ductia. Hanno lavorato nel CD e nella tournèe 2002 con la cantante Valentina Giovagnini, con la quale hanno partecipato al festival di Sanremo, al Festivalbar e all’I-TIM tour.

Ogam Live in tour - spettacoli disponibili

1 - Ogam in Concerto 
Selezione musicale dalle due produzioni discografiche "LI MA TO" e "Il Regno della Sibilla" con:

ANGELO CASAGRANDE - violoncello - percussioni 
strumenti di fuoco
LUCIANO MONCERI - chitarre - arpa celtica - Kantele - morin huur - voce 
strumenti d'acqua 
MAURIZIO SERAFINI - uillean pipe- highland bagpipe- whistles - didjeridoo- flauti del mondo - khaen - bombarda - kaval 
strumenti d'aria 
ROBERTO MARCUCCI - pianoforte e campionamenti -
strumenti di terra

2 - Nel Regno della Sibilla
Spettacolo multimediale per immagini e suoni ispirato alle leggende dei Monti Sibillini con

ANGELO CASAGRANDE - violoncello elettrico 
strumenti di fuoco
LUCIANO MONCERI - chitarre - arpa celtica - Kantele - morin huur - voce - 
strumenti d'acqua
MAURIZIO SERAFINI - uillean pipe- highland bagpipe- whistles - didjeridoo- flauti del mondo - khaen - kaval - clarinetti cinesi 
strumenti d'aria 
ROBERTO MARCUCCI - pianoforte e campionamenti 
strumenti di terra
Pino Bianco - fotografia e proiezioni multivisive 
Jerry Di Tullio - immagini 
Paola Ciccarelli - regia 

ESTRATTI DI RECENSIONI

"una peculiarità degli Ogam è quella di creare timbri della tradizione celtica e medievale attraverso l’uso di cornamuse, zampogne che poi si aprono a più ampi orizzonti. Mi piace la loro musica capace di essere tecnologica e moderna, il loro linguaggio di contaminazione con lievi elementi eleganti di danza."
da un intervista a Franco Scataglini 
CORRIERE ADRIATICO

"Fra tutte le versioni segnalo quella degli Ogam, che risolvono in chiave etnica “E Cantava le Canzoni” riuscendo veramente a colorare di una nuova affascinante veste la canzone di Rino Gaetano" 
MUCCHIO SELVAGGIO

"Il repertorio è un altro atto di coraggio: partendo dalle tradizioni irlandesi, ma anche italiane ed orientali, gli Ogam hanno costruito una splendida cattedrale sonora pagana, fatta di danze, di iterazioni, di ritmiche composte. La loro è una sintesi stilistica che può essere linguaggio universale, scandito unicamente dalla metrica e dal sinuoso e magnetico crescere di melodie-salmodie dal profumo antico. In questo senso, allora, siamo d’accordo nel chiamare progressivo il loro esprimersi, perchè vi avvertiamo tensione, sincero anelito verso una dimensione definitiva."
MESSAGGERO VENETO

"L’alchimia di civiltà così distanti tra loro nello spazio e nel tempo è un esperimento di danza tribale che include teatro, danza e poesia a completamento del concetto di musica totale. Una musica che passa anche attraverso la sensibilità, l’esperienza musicale dei quattro musicisti, per diventare prodotto fruibile, linguaggio incatalogabile ed universale. Ed ecco allora che limpidi fraseggi di strumenti acustici intessono atmosfere soffuse quasi crepuscolari per evocare e disegnare, attraverso l’etereo intreccio di melodie fiabesche, immagini di stampo onirico e surreale."
MARCA D’AUTORE

"Quasi il diario di un viaggio e la scoperta di un nuovo mondo, di una nuova cultura, di tradizioni da abbracciare e rispettare. I suoni sono perfetti nel loro intercedere e riportano continuamente il viaggiatore/ascoltatore in una dimensione parallela, visibilissima e godibilissima. Il lavoro è pervaso da più stati d’animo anche se prevalgono maggiormente quello malinconico (che poi è quello dell’addio alle proprie radici) e quello gioioso, solare (proprio dell’avventura e della nuova scoperta). Le sonorità si stemperano e si mescolano in un crescendo particolarissimo lungo i canali del recondito: l’Irlanda, l’India, il Tibet, la Macedonia, l’Italia..."
NOBODY’S LAND

"E’ un mosaico di colori e di atmosfere musicali in cui si avvertono mondi diversi-colti, popolari, occidentali ed orientali, noti e sconosciuti- che fanno di questo LI MA TO uno splendido esempio di World Music"
CORRIERE DEL TICINO

"Basti ascoltare ARIA per ritrovare tutta la spinta a cercare, scoprire, viaggiare del quartetto di Macerata. Intento che li ha portati a inventare un’autentica ma libera dimensione di recupero, di studio di valori culturali altri nel rispetto della civiltà “barbara” e nel desiderio di trovare un momento di contatto collettivo, di comunione fra uomo e universo. Così si vola dalla Cina al Sudamerica, dai Balcani alla Scozia. Una sorta di democrazia culturale." 
WORLD MUSIC

Ingredienti saporiti che la cucina degli Ogam trasformano musicalmente in una ricetta invitante e raffinata e i singoli sapori, pur mantenendo intatta la loro fragranza, si fondono in un insieme di grande effetto. Monceri, Casagrande e Serafini si confermano musicisti di ottimo livello, in grado di tradurre e comunicare con efficacia le suggestioni dei miti antichi”
FOLK BULLETIN

ESIGENZE TECNICHE:
- Palco Min. 6m x 4m
- 4 Monitor
- 4 Sedie senza braccioli
- Impianto audio/luci compreso

Foto

ogam@artenomade.com

| Back |Torna su |