CELEBRAZIONI TUCCIANE - 2001

Giuseppe Tucci (1894-1984), nato a Macerata, può giustamente considerarsi come il più grande orientalista e tibetologo italiano e uno dei massimi esponenti mondiali in materia. Giornalista, scrittore, archeologo, antropologo, viaggiatore, l'opera di Tucci è un "mare magnum" ancora da scoprire. Il comune di Macerata, la provincia di Macerata e la regione Marche, di comune accordo, hanno deciso di avviare un approfondimento tematico sulla grande figura di Tucci delegando Arte Nomade all' organizzazione degli eventi celebrativi con lo scopo di divulgare più ampiamente possibile la sua opera. Il programma, avviato il 12 agosto 2001, si concluderà nel 2004, in occasione del 110° anniversario della sua nascita e il ventennale della sua morte.

DOMENICA 12 AGOSTO 2001 - TUCCI E IL TIBET - (Elcito di S.Severino)

Giornata spettacolo inserita in Terra di Teatri Festival della Provincia di Macerata in collaborazione con il comune di San Severino, la comunanza di Elcito, la Casa del Tibet di Vitigno di Canossa (RE) l'Istituto Italiano Africa e Oriente di Roma, iGuzzini illuminazione, il Tucano tour operator.

Arroccato come un nido d'aquila, Elcito sembra un monastero buddhista tibetano, e nella sua rarefatta e suggestiva atmosfera abbiamo voluto aprire finalmente una dignitosa pagina commemorativa dedicata ad un nostro grande conterraneo: Giuseppe Tucci da Macerata. Grande orientalista e linguista, Tucci fu molto legato al Tibet, il tetto del mondo, per motivi scientifici, culturali e soprattutto mistici e religiosi. Egli fu il testimone eccellente dei grandi sconvolgimenti che il Tibet a dovuto subire dopo l'invasione cinese del 1951.E oggi, l'occasione dell'approfondimento tucciano, è anche l'occasione per riflettere sul grande eccidio e sulle grandi distruzioni che i cinesi hanno perpetrato ai danni dei tibetani e della loro cultura, costringendo il Dalai Lama all' esilio dal 1959 ad oggi.

PROGRAMMA

Dalle ore 16:00 Mostra in gigantografie su Tucci allestita nel borgo montano di Elcito addobbato tibetanamente con bandiere votive e chorten.
Ore 17:00 Esposizione di un mandala di sabbia da parte di 13 monaci del monastero di Dre Pung con recitazione di una preghiera.
Ore 19:00 “Tucci: tra il concreto e l’astratto”, opera multimediale dedicata alla figura del Professor Giuseppe Tucci ( proiezione su mega screen ) .
Ore 20:30 Danze sacre tibetane al tramonto a cura dei monaci del Monastero di Dre Pung .
Ore 21:30 Proiezione del filmato della spedizione Tucci in Tibet del 1933 in archivio all’Istituto Luce di Roma.
Ore 22:30 Proiezione di interviste realizzate con alcuni collaboratori di Tucci .
Ore 24:00 Recitazione della poesia “Canto di un pastore errante dell’Asia” a cura di David Quintili .



IMMAGINI

 

| Back| Torna su |